News

L’ARCHITETTO E’ UN ATTORE – conferenza al Salone Orientamento di Genova, 5/11/2014 ore 10.30

Il lavoro dell’architetto, per certi aspetti, è molto simile a quello dell’attore. Non perchè l’architetto reciti una parte o perchè prenda parte ad una rappresentazione, quello è davvero tutt’altro campo. La similitudine sta in un altro aspetto: nella necessità continua di cambiare abito, di trasformarsi, per calarsi nella “parte” di qualcun altro. Questo “altro” è il committente o l’utente, a seconda dei casi, ed è persona distinta dal progettista. L’architetto, cioè, ogni volta che deve progettare un nuovo edificio o uno spazio, deve trasformarsi nell’utente che utilizzerà quel luogo, in colui che vivrà, giocherà, lavorerà nello spazio che l’architetto progetta. In questo senso deve essere un attore: deve cioè immergersi un un ruolo diverso dal proprio essere.

Theatre, square and market building in Rivara, Tourin

Nel corso della mia professione ho progettato diversi edifici, ed ogni volta è ho utilizzato lo stesso approccio: quando ho progettato un teatro, ho dovuto trasformarmi in un regista, capire come si svolge una rappresentazione da dietro le quinte, imparare a conoscere i camerini, i graticci …le agitazioni delle primedonne!

Quando ho progettato un ospedale ho cercato di immedesimarmi nella vita dei pazienti, delle loro paure e tensioni, ma anche nell’ambiente lavorativo dei medici e degli infermieri, imparando moltissimo della loro attività professionale in modo da fornire loro gli spazi più adeguati possibili.

Show reel 01 - Silvestri Architects

 

Nell’edificio illustrato alla Conferenza al Salone dell’Orientamento di Genova, del 4 novembre 2014, ho dovuto entrare nel mondo dei bimbi, di quei bimbi tra i sei e i trentasei mesi di età che frequentano l’asilo. E’ stata un’esperienza entusiasmante, imparare come si svolge la vita dentro un asilo durante tutta la giornata, pensar ai loro giochi, ai loro spazi, a come renderli felici.

Il mestiere dell’architetto è quindi una continua trasformazione, una continua trasformazione del proprio punto di vista, ed in questo senso è secondo solo a quello dell’attore.

Roberto Silvestri Architects. Kindergarten in Genova, Italy